Skip to content

Una ossessione chiamata Glo-Fi

24 marzo 2010

Sarà che l’arrivo della primavera ci ricorda che fra un po’ sarà estate, sarà che quest’inverno è stato molto freddo sarà quel che sarà ma noi di NvsU ultimamente non possiamo smettere di ascoltare, guardare video e scoprire vere perle di musica Glo-Fi.

Voi non chiedeteci da dove venga questo termine e noi promettiamo di non rovinarvi tutto spiegandovi che questa nuova corrente musicale usa suoni di chissà quale minchia di synth che usava chissà quale gruppo degli anni 80 e milioni di altre seghe tecniche varie.

Noi ci immaginiamo solo simpatici Narvali che inseguono surfisti e sbadati Unicorni (strano vero?) che rincorrono ragazze troppo carine, ma non bellissime, su spiagge lunghissime. Biciclette appoggiate alla scogliera, ginocchia sbucciate da non troppo dolorose cadute da longboard. Ragazzi e ragazze che si sorridono, che poi faranno l’amore, ma ora si divertono solamente.

Facciamo forse male? Voi che ne dite?

Anche questo è glo-fi?

Siamo sicuri che per un momento avete chiuso gli occhi. Apriteli: siete in ufficio, a scuola o nella vostra angusta cameretta… ok avete ragione richiudeteli.

Annunci

Our Inventions

24 marzo 2010

Eh sì, magari album come i loro fossero una nostra invenzione! Sto parlando dei Lali Puna, punta di diamante della mitica etichetta tedesca Morr Music. I più giovani forse li ignorano, i più sbadati forse se li sono dimenticati. Noi di sicuro no, anzi li aspettavamo come Penelope aspettava Ulisse, quando ormai i più credevano non tornasse più.

Ed ecco che il 2 di Aprile, dopo 6 lunghi anni, il quartetto di Monaco di Baviera tornerà ad Itaca con un vero nuovo album. Non volete aspettare? Eccolo gia pronto su iTunes!

L’1 giugno sono a Bologna, il 2 a Torino… non volete aspettare nemmeno qui? Ok stasera a Milano suonano i The Notwist. E allora? Allora niente, però il bassista è lo stesso.

Lassù in Svezia

24 marzo 2010

Erik Johansson è un ragazzo sveglio ma non troppo. Non che non sia intelligente ci mancherebbe, è che quando si alza dal letto ha ancora bene in mente i sogni della notte appena trascorsa. Avete provato ancora a spiegare a quache vostro amico cosa avete visto durante la notte? È un casino! Erik invece non si pone questi problemi, ha la fotocamera sotto il cuscino.

Chissà dove porta questa strada che si addentra nella campagna svedese?

Noi di NvsU siamo pronti a scommetere che si arriva a casa loro:

Avrei dovuto prendere un acido con te

23 marzo 2010

Toccare le stelle e anche i pianeti,

sciolgiere le nostre lingue e diventare fluidi,

togliere i nostri vestiti in piscina

e dire ai miei genitori che io sto con te.

Tutti i dibattiti sul “è giusto o no” assumere sostanze psicotrope le lasciamo a voi,

noi intanto ci ascoltiamo questa bellissima canzone e ci commuoviamo con il testo.